Da semplici “immigrati” ad Interpreti Digitali: il mio intervento al TEDxCaserta 2016


L’esperienza dell’altra sera al TEDxCaserta è stata eccezionale. Pur essendo abituato a parlare in pubblico, anche dinanzi a platee molto più ampie rispetto al centinaio di persone che hanno avuto accesso all’evento, l’impatto è stato totalmente differente. Hai cento persone che sono lì, al buio, alle 22.30 di un venerdì, che pendono letteralmente dalle tue labbra. Tu sei al centro della scena, su un punto rosso di un paio di metri di diametro che delimita il tuo spazio, con una luce puntata in faccia, senza pezze d’appoggio, niente appunti, niente gobbo, niente slide didascaliche a supporto (solo suggestioni multimediali) e hai 18 minuti per parlare di… un’idea. Forte. Davvero.
Io ho parlato dell’idea che ho del confronto generazionale relativo al territorio digitale (e non solo), del fatto che credo che le persone della mia generazione siano quelli che hanno la maggiore responsabilità in tutto questo, e della necessità impellente che abbiamo di trasformarci da semplici[…]

Powered by WPeMatico

Da semplici “immigrati” ad Interpreti Digitali: il mio intervento al TEDxCaserta 2016
Torna su